Natale archiviato

Buon anno a tutti. Oggi vi mostro come ho sistemato le fotografie di dicembre in un mini album. Insomma, più o meno, siccome le foto in realtà non ho ancora avuto il tempo di farle stampare!

20150116_114716-1

Come vi avevo accennato nel mio progetto precedente, ho riciclato a questo scopo il calendario dell’avvento, e ho mantenuto lo stile in rosso e jeans di tutti i miei progetti natalizi 2014.

Ora vi spiego in breve la costruzione dell’album che è semplicemente un quaderno ad anelli ricoperto di stoffa, ma in questo caso ho sfruttato le cuciture già fatte di un vecchio pantalone.

1- Sistemarsi comodi su un piano e aprire il quaderno sulla stoffa per disegnarne i contorni (sul rovescio)

2014-11-18 10.03.422014-11-18 10.09.482014-11-18 10.09.34

2- Tagliare la parte in eccesso, e, volendo, disegnare una decorazione.

2014-11-18 11.02.023- Armarsi di santa pazienza e cucire seguendo i contorni (attenzione, un solo strato!) che così appariranno poi puliti sulla copertina. Cucire anche lungo i due segni centrali (sempre un solo strato).

2014-11-18 10.29.004-Ritagliare il rettangolo centrale, creando il “buco” in cui introdurre le due copertine, rivoltare la stoffa e cucire anche le due bande laterali, introducendo nella fessura un bordino di pizzo colorato.

2014-11-18 16.51.15

5- Da un ritaglio ricavare un triangolo dell’altezza massima della copertina e decorarlo a piacere con nastri e bottoni, come se fosse un albero di Natale2014-11-18 14.45.11

Cucire bene i bordi, imbottire leggermente e applicare alla copertina

2014-11-18 15.27.34

2014-11-18 15.42.40In più io ho anche colorato alcune delle stelle cucite con acrilico bianco.

6- Infilare il quaderno all’interno e la struttura è pronta. (Nelle foto ne ho usato uno giallo che avevo in casa al momento, ma poi ne ho comprato uno bianco perché si accordasse ai colori dell’album anche se se ne vede pochissimo e solo all’interno).

7- Da un cartoncino spesso, tagliare 13 pagine di misura 21×15 e forarle in corrispondenza degli anelli. E ora via alla fantasia!

Vi mostro come l’ho decorato io, utilizzando ritagli di carte natalizie nei colori blu e rosso, cartoncini rossi e i meravigliosi cartoncini effetto jeans che trovate nello shop e che si adattavano perfettamente al mio album.

Come elemento ricorrente dell’album ho scelto le stelle. Ne troverete in jeans, in feltro, timbrate, in washi tapes, brads, ecc.

E il calendario riciclato, dove l’hai messo? Ecco, ho tagliato in tondo tutti i numeri che erano del colore giusto e li ho usati come tabs per girare le pagine. I mancanti li ho sostituiti con vari alfabeti.

20150116_094027_8 20150116_09415520150116_09563920150116_094444_2 20150116_095146_3 20150116_09554220150116_095753 20150116_095813 20150116_10060220150116_100410_2

20150116_102817Non ho proprio ancora finito come vedete ma sono ormai a buon punto.

Per le scritte ho utilizzato una serie di timbri di Safira, principalmente i project life, ma anche Dolci auguri, In viaggio, Noi due, Amore, interi o in parte e anche il mio timbrino personalizzato

Giusto qualche dettaglio per farvi vedere quanto sono belli!

20150116_094452_3 20150116_095153 20150116_095659 20150116_09574720150116_100423

Burst0520150116_095924

A presto.

Elisabetta

 

 

 

 

 

 

 

Un calendario dell’avvento riciclabile

 

2014-12-10 19.24.25Quest’anno ho deciso di creare un calendario dell’avvento un po’ diverso dal solito che, al termine delle feste, possa essere riciclato e non abbandonato in soffitta.

Allora ho preso un vecchio paio di jeans, da cui ho tagliato un pezzo di gamba che ho semplicemente cucito e ripiegato, per dare la forma di un cilindro.

2014-12-10 18.51.34

Ho sfruttato così il bordo già fatto, che ho però ripiegato all’esterno per avere il doppio colore.

Ho aggiunto un gancio nel caso volessi appenderlo.

2014-12-10 18.52.25

Intorno al bordo ho inserito un nastro rosso con un bel fiocco che fa tanto Natale.

fiocco

E il calendario dove sarebbe, direte voi? Ebbene, l’idea è quella di aggiungere a questo contenitore una serie di numeri dall’1 al 24, da tirare via man mano che i giorni passano, insomma come quei calendari in cui ogni giorno si strappa una pagina. Solo che qui le pagine non si strappano ma si “rubano” al folletto che ha in custodia il contenitore. E poi anche loro si riciclano per il December Daily!

Quindi, subito dopo la sacca ho creato anche un folletto di jeans, utilizzando il simpatico timbro elfo che trovate nello shop, timbrato sia su pezzi di jeans blu e rosa che su cartoncino rosso e che ho assemblato a strati in modo che alla fine la figura avesse anche un certo spessore.

Una prima timbrata su rosso, una seconda su jeans, una terza su rosso, una quarta su jeans e così via: come vedete ho messo la colla solo sulla parte che mi interessava coprire
001

003Scusate la foto è sfocata ma si capisce ugualmente, no?

E avanti alternando i colori:

008Un piccolo tocco di luce con un paio di strass

009Si ritaglia il tutto e il nostro folletto è pronto.

010Con la colla a caldo l’ho attaccato ad una molletta da bucato di legno dipinta di bianco.

molletta

Ho ricavato i numeri da una carta natalizia e li ho dati in consegna all’elfo.

Poi dal timbro Natale è, ho scelto solo alcune parole che ho agganciato al sacco con delle semplici spille da balia e una goccia di colla a caldo.

2014-12-10 18.58.41

E la scritta appunto “Natale è…”  è diventata una bandierina vicino all’elfo.

bandiera

Ogni giorno inserirò nel sacco una piccola sorpresa e alla fine delle feste, tolta tutta la parte natalizia, mi resterà un comodo contenitore da destinare ad altro scopo.

A presto, Elisabetta

Tutti a tavola, ma… dove mi siedo?

Con le feste si sa, le cene con amici e parenti si fanno più frequenti. E allora portiamoci avanti negli allestimenti natalizi iniziando a costruire dei semplici e simpatici segnaposto. L’ispirazione è partita da Pinterest ed io da buona creativa l’ho adattata alle mie esigenze.

060

Se volete scopiazzare avete bisogno dei seguenti materiali:

-sassi con almeno una superficie piatta, della grandezza di un pugno

-colore acrilico bianco e pennello

-un vecchio libro ingiallito con delle pagine “bianche”

-timbro sfondo Natale

-inchiostro nero

-feltro spesso

-un vecchio paio di jeans o altra stoffa rigida

-fustella a stella oppure una forma di stella e forbici

-pellicola Shrink bianca ed embosser

-inchiostro Staz-on nero

-timbri con i nomi dei commensali

-brads in tinta o filo twine

-bucatore tondo e a stella (o altra forma. Si può anche fare senza)

-colla e colla a caldo

- 50 cm di fil di ferro

- un grosso bottone

- cordino

E cominciamo:

Coloriamo il sasso e lasciamo asciugare.

2014-11-07 17.47.37

Intanto prepariamo tutte le altre cosine che ci servono.

Su un foglio di libro timbriamo il timbro sfondo:

2014-11-09 21.48.28 Su un rettangolo di pellicola Shrink timbriamo i nomi con lo Staz-on. Questo tipo di inchiostro è il più adatto per le superfici lisce e non assorbenti. Secca in fretta ma ha il vantaggio di essere “lavabile” per qualche secondo quindi se la timbrata non esce perfetta basta tirarla via con una goccia del suo apposito liquido pulitore e si può rifare senza buttare la preziosissima pellicola restringente. 2014-11-07 18.02.56

Ora buchiamo le targhette e decoriamole a piacere con stelline, cuoricini, punte, stondature o quant’altro la fantasia vi suggerisce. Consiglio: non bucate troppo vicino ai bordi. Io ho fatto questo errore e la targhetta con il mio nome si è rotta mentre la plastica si contorceva nel restringersi.

2014-11-07 18.10.13

Ora, con l’embosser, tenendo uno stecchino di legno lungo nel buchino a sinistra, scaldiamo la pellicola fino a che ritorna perfettamente dritta ma più piccola e spessa. Io non sono tanto brava nell’uso di questo materiale e si vede, ma il risultato alla fine è simpatico lo stesso ed è un modo di ottenere delle miniature dei timbri in vostro possesso, quando l’immagine originale è troppo grande per l’uso che ne volete fare.2014-11-07 18.16.59

Tagliamo una stella grande (da punta a punta 6 cm)  nel feltro spesso e 2 stelle piccole (4 cm) da un pezzo di jeans o stoffa rigida. Incolliamo una delle due stelline di stoffa sul feltro e sopra questa la targhetta abbellita con un brad o con un nodino di filo twine.2014-11-07 19.00.40

Piegando il fil di ferro  ad 1/3 della lunghezza, tenendo un dito all’interno del cappio, lo arrotoliamo su se stesso.

2014-11-09 21.53.36

Aiutandoci con un pennarello (tondo, non una matita!), gli diamo la forma di una molla.2014-11-09 21.55.44

Infiliamo il cordino nel bottone tenendoci a circa 10 cm da una estremità.

2014-11-09 21.48.20

Ora abbiamo tutto pronto per passare all’assemblaggio. Strappiamo un quadrato di circa 5 cm dalla timbrata natalizia, e posizioniamolo sopra il sasso ormai asciutto. Niente colla perché la carta si deforma. Per fissarlo usiamo invece il fil di ferro, girato intorno al sasso e un paio di giri di cordino. Nel caso la forma del sasso sia tale che il fil di ferro e la corda tendano a scappare, sotto il sasso si può mettere un pezzetto di nastro adesivo.

Sistemiamo  la molla con il cappio dritto verso l’alto e con la colla a caldo fissiamo la stella

2014-11-09 22.02.44

Copriamo con la seconda stellina in stoffa così anche dal lato B risulta ben rifinito. Ed ecco pronto il nostro segnaposto!061

Trovate i timbri utilizzati per questo progetto nello shop di Safira Scrapbooking:

Timbri Nomi femminili

Timbro  Natale sfondo

A presto.

Elisabetta

 

Un giorno perfetto all’Acquario del Po

Non è certo l’acquario di Genova, ma per trascorrere un pomeriggio piacevole e diverso va bene lo stesso.  E da buona scrapper io ho immortalato l’evento in questo minialbum:011

030

Sono partita da questi tre sfondi, realizzati con il tappetino Gelli ed i colori acrilici giallo, verde e nero su un cartoncino color tabacco (che trovate nello shop).

Senza nome-True Color-03Senza nome-True Color-02Senza nome-True Color-01

Questo cartoncino, essendo liscio e poroso, si presta benissimo a questo tipo di lavoro perché assorbe perfettamente il colore. Per ottenere i disegni ho utilizzato delle mascherine e una serie di timbri, sia di disegni che di scritte (es. Ricordi, Noemi, Amici per sempre ecc.)

Ho tagliato in quattro due dei tre fogli per ricavarne dei quadrati. Dal restante altri due quadrati e ho tenuto una striscia per future necessità.

012

La struttura del minialbum è molto semplice e classica: una copertina in cartone rivestita in stoffa nera con due diverse parti incollate sui retri di copertina: sulla sinistra un paio di pagine che si aprono in direzioni opposte mentre sulla destra si trova un accordion bloccato con un fiocco. Al centro avevo previsto degli anelli per inserire le foto dei pesci ma alla fine ho dovuto rinunciare: l’interno dell’acquario era molto buio e le vasche riflettevano il flash. Risultato: dei pesci nessuna foto è venuta decente! Comunque lo spazio resta e in futuro non si sa mai…

Da questa angolazione, forse si capisce meglio:

029

Quello che forse è diverso dal solito è che la base dell’accordion non è in carta ma in stoffa, sulla quale ho cucito i quadrati  a sfondo Gelli alternandoli a cartoncino di colore verde e carte della serie Primavera.

Ma vediamo le pagine del lato sinistro:

031 015032Mi sono divertita a giocare con i timbri, usandoli sia direttamente sullo sfondo sia come abbellimenti:

028 027 026 016 017E ora guardiamo l’accordion:

020

018 019Anche qui qualche dettaglio:025 024 023 021Qui sotto trovate l’elenco dei timbri utilizzati:

Ricordi del tempo che passa (da cui la scritta passatempo)

Felice Anniversario

Cronaca di un giorno straordinario

Le piccole cose rendono la vita più bella

Noemi

Kit Project life 2

Kit Project life Ricordo

Passeggiando

Fotografia l’arte di vivere

Oggi sposi

&&&&&

e ancora &&&&&.

Ma questa è impazzita, direte voi. Non posso nemmeno dare la colpa al caldo dell’estate, visto il freddo che ha fatto qui…. Ma no! Dai, ora vi spiego tutto!

Avevo una bella foto con me e mia figlia insieme e i bellissimi timbri di Safira con i nostri nomi e ho pensato di fare un titolo del tipo Elisabetta&Noemi. Poi è scattata l’idea: invece di usare la & per il titolo ho tirato fuori tutti, ma dico tutti, i miei alfabeti che avevano i colori a tema con le carte scelte e li ho letteralmente depredati delle & con lo scopo di usarle per fare uno sfondo diverso alla pagina. Ed ecco il risultato:

123

121 122

Per completare ho timbrato su un pezzetto di carta la scritta “Noi due” e ho ritagliato una tag da applicare alla foto. Per dare un aspetto meno serio al tutto ho contorntato la scritta a mano, stando ben attenta a NON seguire il disegno.

120

Come tocco finale, da altri avanzi ho ritagliato dei cerchi (anche questi contornati a mano libera) e li ho abbinati a trasferibili e bottoni. Qualche pezzetto di washi, e qualche dot , che non stanno mai male, insieme ad alcuni stickers colorati. Et voilà.134

 

Materiali usati:

cartoncino pistacchio

kit carte primavera

kit carte bimbino

timbri con il nome Elisabetta e Noemi

timbro noi due